Article by Paolo Peviani, ALL ABOUT JAZZ

Upside Down
Evelyn Petrova — Alexander Balanescu | Leo Records (2007)

Chissà se sono vere tutte le lungaggini e peripezie che hanno preceduto l’incontro tra Evelyn Petrova ed Alexander Balanescu, e quindi la registrazione di questo CD, raccontate nelle note di copertina. A volte si ha l’impressione che personaggi che ruotano intorno ai musicisti abbiano la tendenza a sovrapporsi, a rubare la scena ai musicisti stessi.

Comunque siano andate le cose, il risultato di questo incontro è davvero felice. Siamo lieti che abbia avuto luogo, che sia stato documentato su CD, e che abbia anche avuto un seguito live con il duo impegnato in una serie di concerti.

L’album si apre con un pedale in 7/8 piuttosto vivace, dagli echi vagamente jazzistici, alla lunga forse un po’ ripetitivo (una pecca ricorrente in Balanescu) ma di sicuro effetto. Si procede poi tra cadenze popolari, ritmi dell’Est ed evocazioni colte, evitando accuratamente tutti quei luoghi comuni (ad esempio i tanghi o le reminiscenze piazzolliane) che, come perfide trappole, sono sempre disseminati lungo il percorso di qualsiasi fisarmonicista. E benchè l’album sia una semplice sequenza di brani autonomi e non collegati tra loro, e quindi sia privo di un vero e proprio filo conduttore (di un progetto, come si suol dire, quasi che i musicisti debbano essere degli ingegneri), il risultato è comunque unitario e rivela che il duo ha un’idea musicale ben precisa, sia quando segue lo schema di una partitura, sia quando l’improvvisazione prende il sopravvento.

Certo i puristi osserveranno che il jazz, inteso come linguaggio, sintassi, suono, è lontano. Molto lontano. L’estetica del jazz è quasi assente. E’ però, qui ed ora, l’etica del jazz ad essere pienamente rispettata e valorizzata. L’atteggiamento dei musicisti, il loro volersi mettere in gioco, la loro apertura a mille influenze, è quanto di più jazzistico si possa trovare.

E tanto ci basta!

Tutte le composizioni sono di Evelyn Petrova.

Musicisti: Evelyn Petrova (fisarmonica, voce); Alexander Balanescu (violino, voce).

Stile: Contemporanea

Pubblicato: 09-04-2007

 




Evelina Petrova and Roberto Dani
Part of the project "Mirrors. Dedication to Andrey Tarkovsky"
Fornacepasquinuci gallery, Italy 2014



Two fragments
(Lullaby, Round-Dance)



Evelina Petrova and Alexander Balanesku. Video from Ethnomechanica world music festival 2009 in Saint-Petersburg.

Previous concerts

© 2012—2017 Evelina Petrova